Partecipazione alla tavola rotonda "Life Extension and Healthy Ageing"

Febbraio 2012

Gli estratti erbali, i nutrienti e i nutraceutici ci possono aiutare a vivere più a lungo... e ancor meglio a invecchiare bene! La dott.ssa Marina Covelli ha partecipato in qualità di Esperto alla tavola rotonda "Life Extension and Healthy Ageing", presentando il tema: "Anti ageing in menopausa: come “imbrogliare” l’orologio biologico".

Abstract - Anti aging in menopausa: come imbrogliare l'orologio biologico

Parole chiave abstract:antiaging (dieta, stile vita, genetica, epigenetica) - età biologica - glicazione - ossidazione - infiammazione -antiossidanti - PNEI

Oggi la menopausa è vivere l’età matura con orgoglio, non è una malattia. È il momento di verifica della nostra età biologica, perché si può rallentare il tempo biologico con il nostro stile di vita, anche se il tempo di vita della singola cellula per la termodinamica è necessariamente finito e dipende dall’integrità dellamatrice extracellulare con i suoi proteoglicani.

La Matrice extracellulare è il locus di gestione di tutte le cellule e la sua idratazione è il primo obiettivo per rallentare il tempo, il che non significa bere tanto, ma mantenere intatta la matrice, tra l’altro l’unico spazio tissutale sganciato da fattori genetici, ma esclusivamente dipendente dal nostro stile di vita che si può riassumere in:  cibo – mente – movimento, i determinanti per la scelta del nostro tempo.

Il valore del cibo non deve essere valutato in calorie ma in densità nutrizionale con azione molecolare-farmacologica modulabile e con un corredo di tossine che costituiscono la nostra zavorra corporea che gli emuntori e il sistema immunitario sono costretti ad eliminare.

Oggi la dieta diventa farmaconutrizione, non è importante solo il valore ORAC dei nutrienti per completare l’assunzione degli antiossidanti che contrastano i radicali liberi, primi responsabili dell’invecchiamento riconosciuti ormai da tutti, ma soprattutto è importante valutare come i nutrienti provochino: 1. una risposta endocrina che influisce sia sulla distribuzione del peso corporeo che sulla attività cerebrale, 2. una risposta infiammatoria che è la vera causa dell’invecchiamento, dalle rughe ai processi cronico-degenerativi, in primis con l’alterato controllo del meccanismo di glicazione ma anche con la trasformazione del grasso bruno in grasso bianco e la cascata infiammatoria che ne segue.

Con la dieta si regola persino l’espressione genica e il pilastro centrale di questo meccanismo è la metilazione del gene, cioè un processo che sta alla base della riparazione del DNA: straordinariamente è possibile influenzare, con la giusta alimentazione e integrazione, il patrimonio genetico. Addirittura la cellula adiposa è predisposta per una riprogrammazione genetica influenzata dalla alimentazione e dalla regolazione endocrina.

Pertanto affrontare oggi la menopausa non è solo valutare il grado di disturbo dato dalle vampate di calore o dall’aumento del peso o dal processo di demineralizzazione ossea, questi sono solo i macro effetti dell’accelerazione all’invecchiamento che inizia in menopausa. La regolazione fisiologica del sistema PNEI e la nutrizione biologica molecolare sono le basi della piramide di controllo dell’orologio biologico.

Dott.ssa Marina Covelli
Medico omeopata nutrizionista